La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Ecografia ostetrica

4.5.2010
I vantaggi dell’ ecografia precoce nelle tecniche di procreazione assistita sono molteplici. Il primo e più evidente è porre la diagnosi di gravidanza clinica.

image
/11


Infatti, nelle tecniche di procreazione assistita, dopo circa due settimane dall’inseminazione o dal trasferimento embrionale, si effettua il test di gravidanza beta-hCG sul sangue materno, per accertare la esistenza di gravidanza.
 
Tuttavia il test non consente se non limitatamente di distinguere una gravidanza evolutiva da una che è destinata a interrompersi; ma soprattutto, la sostanza che viene dosata nel sangue materno (il beta hCG appunto), non è prodotto dall’embrione, ma dagli annessi embrionari, in particolare dall’abbozzo placentare che può esistere indipendentemente dalla presenza dell’embrione. Quindi, il test di gravidanza è un metodo indiretto per determinare la gravidanza, ma non distingue tra una gravidanza con embrione all’interno della camera gestazionale da un uovo “vuoto” (in termine tecnico gravidanza anembrionica o blighted ovum).
 
Pertanto, fino all’effettuazione dell’ecografia possiamo parlare di gravidanza biochimica, senza essere certi che la gravidanza evolva o esiti in un aborto. Dopo circa 5 settimane dall’inseminazione o dal transfer embrionale, una ecografia transvaginale consente di distinguere, all’interno della camera gestazionale, la presenza di “echi” riferibili a uno o più embrioni veri e propri. Segni certi di presenza in utero dell’embrione sono il sacco vitellino, una struttura che appare in ecografia come una cistarella piena di liquido e, se l’embrione è vitale, la presenza di echi pulsanti riferibili alla attività cardiaca fetale. Solo in questo momento la gravidanza si definisce clinica (vera e propria gravidanza).
 
Un’ulteriore ecografia effettuata a 11–13+6 settimane identifica inoltre il numero dei feti e la loro vitalità, consente di datare accuratamente la gravidanza e diagnosticare precocemente le anomalie fetali maggiori. Un’ ecografia precoce permette, inoltre, un’ attendibile diagnosi di corialità (cioè la caratteristica della o delle placente), che è il fattore principale nel determinare il successo delle gravidanze multiple.
 
Tratto da: www.donnamed.it
Make up: in gravidanza meglio la fitocosmesi
Truccarsi in gravidanza è possibile, ma meglio optare per i fitocosmetici biologici, realizzati con estratti di piante d...
4
Fisiologia del travaglio
Il travaglio di parto assume un valore importante per la gravida perché in esso si assommano tutte le paure, le tensioni...
4
Il bimbo prenatale
Lo chiamano blastocisti, morula, embrione, feto. E anche in un sacco di altri modi, legati al suo sviluppo e alla sua et...
3
La dieta in gravidanza
Cosa mangiare e bere in gravidanza? Ecco i principi basilari di un' alimentazione equilibrata, per il benessere di mamma...
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

Aiutatemi!!!
PepKat

Ciao sono tanto indecisa, anche mio marito confuso e manca poco nascerà la mia piccolina. Mi aiutate a scegliere uno dei tre nomi, per piacere? grazieeeeeeeeeee

Marisol (21%)

Giada (56%)

Alisia (23%)


Voti in tutto: 1027

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.