La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Si può mangiare fegato in gravidanza?

Miobambino, 11.2.2015
Il consumo di fegato durante la gravidanza va ridotto il più possibile a causa dell'eccessivo contenuto di vitamina A

image
/11



Fegato
Il consumo di fegato durante la gravidanza desta alcune preoccupazioni: è una buona fonte di proteine ed è ricco di alcune vitamine e minerali, tra cui:
l’acido folico, vitamina del gruppo B utile per prevenire alcune malformazioni fetali,
il ferro che serve per prevenire l’anemia,
la vitamina A che è necessaria per la crescita e lo sviluppo del feto.
Tuttavia, anche se la vitamina A è utile, il fegato potrebbe contenerne troppa.
Alcune ricerche indicano che l’eccesso di vitamina A potrebbe causare malformazioni fetali. Secondo l’Institute of Medicine (IOM), la RDA (dose giornaliera consigliata) di vitamina A per le gestanti è di 2.565 UI (unità internazionali) al giorno. In una ricerca del 1995, le donne che hanno assunto più di 10.000 UI di vitamina A al giorno (circa quattro volte la quantità consigliata dall’IOM) nei primi due mesi di gravidanza presentavano un rischio più che doppio del normale di mettere al mondo un figlio affetto da malformazioni. Altre ricerche hanno suggerito che le dosi inferiori alle 30.000 UI al giorno probabilmente non provocano malformazioni, ma la dose minima che potrebbe provocarle non è tuttora nota.
L’organismo sintetizza la vitamina A, se necessaria, a partire dal betacarotene, che si trova nelle verdure di colore giallo e verde. Questa forma naturale di vitamina A è del tutto sana e sicura durante la gravidanza, tuttavia l’eccesso di vitamina A sintetica (retinolo) può causare malformazioni fetali.
Il fegato è l’unico alimento che fornisce quantità molto alte di vitamina A. Ad esempio:
Una porzione di 80 g di fegato di manzo può contenerne 27.000 UI,
mentre una porzione da 80 g di fegato di pollo può contenerne 12.000 UI.
Se la gestante consuma regolarmente il fegato, può assumere una quantità di vitamina A sufficiente a danneggiare il bambino.
Non è dimostrato che il fegato sia la causa delle malformazioni fetali, ma il consiglio più sicuro per le gestanti è quello di ridurne il consumo al minimo indispensabile.
La futura mamma, inoltre, dovrebbe assicurarsi che l’integratore multivitaminico che assume non contenga più di 5.000 UI di retinolo (vitamina A sintetica).


Il consumo di fegato durante la gravidanza desta alcune preoccupazioni: è una buona fonte di proteine ed è ricco di alcune vitamine e minerali, tra cui:
l’acido folico (vitamina del gruppo B utile per prevenire alcune malformazioni fetali), il ferro (che serve per prevenire l’anemia) e la vitamina A (necessaria per la crescita e lo sviluppo del feto).
Tuttavia, anche se la vitamina A è utile, il fegato potrebbe contenerne troppa.

 Alcune ricerche indicano che l’eccesso di vitamina A potrebbe causare malformazioni fetali.
Secondo l’Institute of Medicine (IOM), la RDA (dose giornaliera consigliata) di vitamina A per le gestanti è di 2.565 UI (unità internazionali) al giorno. In una ricerca del 1995, le donne che hanno assunto più di 10.000 UI di vitamina A al giorno (circa quattro volte la quantità consigliata dall’IOM) nei primi due mesi di gravidanza presentavano un rischio più che doppio del normale di mettere al mondo un figlio affetto da malformazioni. Altre ricerche hanno suggerito che le dosi inferiori alle 30.000 UI al giorno probabilmente non provocano malformazioni, ma la dose minima che potrebbe provocarle non è tuttora nota.

L’organismo sintetizza la vitamina A, se necessaria, a partire dal betacarotene, che si trova nelle verdure di colore giallo e verde. Questa forma naturale di vitamina A è del tutto sana e sicura durante la gravidanza, tuttavia l’eccesso di vitamina A sintetica (retinolo) può causare malformazioni fetali.

Il fegato è l’unico alimento che fornisce quantità molto alte di vitamina A.
Ad esempio: una porzione di 80 g di fegato di manzo può contenerne 27.000 UI,mentre una porzione da 80 g di fegato di pollo può contenerne 12.000 UI.Se la gestante consuma regolarmente il fegato, può assumere una quantità di vitamina A sufficiente a danneggiare il bambino.
Non è dimostrato che il fegato sia la causa delle malformazioni fetali, ma il consiglio più sicuro per le gestanti è quello di ridurne il consumo al minimo indispensabile.
La futura mamma, inoltre, dovrebbe assicurarsi che l’integratore multivitaminico che assume non contenga più di 5.000 UI di retinolo (vitamina A sintetica).

Leggi tutto sull'Alimentazione in gravidanza


I formaggi durante la gravidanza
Durante la gravidanza è bene fare attenzione ai formaggi. Il rischio principale è contrarre la listeriosi, un'infezione...
6
Gravidanza: i disturbi del secondo trimestre
E' il periodo aureo della gravidanza: quasi tutti i disturbi del primo trimestre sono scomparsi, e non sono ancora inizi...
6
Gravidanza: che cosa può farti male?
Le future mamme possono farsi la tinta durante la gravidanza? Possono mettersi lo smalto? Possono volare in aereo? Il co...
5
Corredino e puericultura
Ad una coppia che si appresti a ricevere un nuovo nato è bene consigliare di preparare tutto quanto gli sia necessario q...
5


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

parto cesario
mamma sonia

dovrò fare obbligatoriamente il quarto cesario non so se chiudere le tube se rischio a non farlo

si meglio chiudere (41%)

no (59%)


Voti in tutto: 44

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.