La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    

Controlli a termine di gravidanza

4.5.2010
Nel corso della 36° settimana di gravidanza, iniziano i controlli routinari a cui la donna deve sottoporsi per accertarci delle condizioni di benessere fetale.
Parole chiave:

image
/11


Le gravide vengono invitate dal ginecologo a contattare l'infermiera dell'ambulatorio della sala parto per fissare l'appuntamento per l'esecuzione del tampone vaginale per la ricerca dello streptococco di gruppo B e per l'esecuzione degli eventuali esami emato-chimici nel caso dobbiate sottoporvi a Taglio Cesareo.
 
L'ostetrica darà alla gravida, in questa sede, tutte le informazioni relative alla possibilità di donare il sangue cordonale subito dopo il parto. La gestante verrà invitata a contattare telefonicamente le ostetriche della sala parto dopo una settimana circa per conoscere il risultato del suo tampone e se questo è negativo le verrà fissato l'appuntamento per compilare il questionario da allegare alla sacca di sangue cordonale raccolto.
 
Durante la 38°-39° settimana, la gravida contatterà l'ostetrica per fissare l'appuntamento per l'esecuzione del primo tracciato cardiotocografico, la visita ostetrica, il controllo del quantitativo di liquido amniotico e la rilevazione della pressione arteriosa; questo a partire dalla 40° settimana.
 
I controlli successivi verranno comunicati di volta in volta.
 
Le gravide saranno accolte dalle ostetriche presenti nell'ambulatorio di cardiotocografi e saranno sottoposte ad una registrazione cardiotocografica. L'esame prevede nell'applicazione sull'addome di due trasduttori: uno per la registrazione del battito cardiaco fetale e uno per la rilevazione dell'attività contrattile uterina. I due trasduttori sono fermati da una cintura elastica e collegati ad un apparecchio che registra su carta scorrevole questi due dati importanti ai fini di una diagnosi di benessere fetale. La registrazione ha una durata variabile tra i 10 e i 60 minuti, dopodiché il ginecologo di guardia controllerà il quantitativo di liquido amniotico. Successivamente è prevista una visita ostetrica per accertarsi delle avvenute o non modificazioni del collo dell'utero.
 
Nel caso in cui non abbia ancora partorito, alla 41° settimana e 5 giorni, la donna viene ricoverata.
 
Tratto da: http://www.ausl.pc.it/dedicato/dedicato_donne/dedicato_donne.asp
Forma e grandezza del pancione in gravidanza
Molte mamme temono che il loro pancione non sia della grandezza “giusta” e si confrontano con le altre mamme. Ma che for...
15
Frutti di mare in gravidanza: si possono m...
Durante la gravidanza è possibile mangiare pesce, frutti di mare, molluschi e crostacei o è pericoloso per la salute di ...
8
Fisiologia del travaglio
Il travaglio di parto assume un valore importante per la gravida perché in esso si assommano tutte le paure, le tensioni...
7
Capelli, unghie e peli durante la gravidanza
Durante la gravidanza la futura mamma sperimenta molti cambiamenti fisici che non si limitano alle forme del corpo, ma i...
5


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

cosa non si puo mangiare in gravidanza?
clos



(98%)

(2%)


Voti in tutto: 44

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.