La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

La biopsia dei villi coriali

4.5.2010
A cosa serve?Serve sostanzialmente ad effettuare la diagnosi di problemi cromosomici del feto, come per esempio la sindrome di Down.

image
/11


Qual e’ la incidenza di sindrome di Down?
 
Dipende dall’eta’ della madre: a 30 anni, per esempio, e’ di un caso ogni 895 mentre a 35 anni di 1 caso ogni 356. A 40 anni, si arriva ad un caso ogni 97!.
 
Quando si e’ effettuato per la prima volta il prelievo dei villi coriali?
 
E’ stata tentato per la prima volta intorno agli anni sessanta, ma non ebbe molto successo poiche’ il basso numero dei prelievi utili e la scarsa possibilita’ di effettuare le necessarie analisi sui cromosomi fetali ne sconsigliava l’utilizzo. La tecnica fu ripresa negli anni ’70, epoca in cui si effettuava “alla cieca” cioe’ senza la guida dell’ecografia, attraverso una cannula introdotta attraverso la cervice uterina. Attualmente si preferisce la via transaddominale (cioe’ “dall’alto”, inserendo l’ago attraverso l’addome materno, come si fa per l’amniocentesi), tuttavia la via “bassa” (attraverso la vagina e la cervice uterina) viene ancora utilizzata in casi particolari.
 
Qual e’ il rischio di aborto del prelievo dei villi coriali?
 
Quattro studi prendono in considerazione 10000 gravidanze: i risultati dimostrano che le perdite fetali non sono maggiori dopo il prelievo dei villi coriali rispetto all’amniocentesi e si attestano intorno all’1% di rischio aumentato rispetto alla “normale” abortivita’”. Inoltre il prelievo dei villi coriali si puo’ effettuare molte settimane prima dell’amniocentesi, ottenendo cosi’ una diagnosi piu’ precoce.
 
E’ importante l’esperienza dell’operatore?
 
Si, e’ una delle determinanti fondamentali nel ridurre il rischio di aborto.
 
A che epoca di gravidanza si puo’ effettuare?
 
A qualunque epoca, ma non prima delle 11 settimane. Questo perche’ e’ stato notato che effettuando il prelievo prima delle 11 settimane, c’e’ il rischio di provocare difetti fetali, soprattutto degli arti. Questi difetti si riscontrano, in gravidanze in cui non viene effettuata alcuna procedura invasiva, in circa 2 casi su 10000 nati. In gravidanze in cui e’ stato effettuato il prelievo dei villi, in 1 ogni 200-1000 casi.
 
Tratto da: www.donnamed.it
Frutti di mare in gravidanza: si possono m...
Durante la gravidanza è possibile mangiare pesce, frutti di mare, molluschi e crostacei o è pericoloso per la salute di ...
10
Fare sesso in gravidanza
Per voi abbiamo raccolto alcune delle domande più comuni sui rapporti sessuali in gravidanza e le abbiamo poste al nostr...
7
Quali e quante ecografie
Da quando è stata introdotta negli anni ottanta l'ecografia è andata acquistando sempre maggior peso per quanto concerne...
4
Nausea in gravidanza
La nausea si presenta relativamente spesso nella prima metà della gravidanza. Per la maggior parte delle donne si tratta...
4


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

PARTO
giadagervasi

meglio il parto cesareo o il parto naturale?

parto cesareo (15%)

parto naturale (85%)


Voti in tutto: 80

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.