La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Fertilità ed età femminile

4.5.2010
La probabilità di concepimento varia in relazione all’età della donna. Fino ai 35 anni, essa è massima, ma dopo i 35 anni, la percentuale di donne in grado di concepire si riduce rapidamente.

image
/11


La probabilità di concepimento varia in relazione all’età della donna. Fino ai 35 anni, essa è massima, ma dopo i 35 anni, la percentuale di donne in grado di concepire si riduce rapidamente, e a 40 anni circa il 60% di donne sono ancora in grado di concepire, mentre a 45 questo tasso si è ridotto a meno del 10%.
 
Con l’età aumenta anche fortemente il tasso di aborto; si calcola che fino a 24 anni sia intorno al 10%, dai 35 ai 39 anni sale al 25%, tra i 40 e i 44 anni è circa il 50% e compiuti i 45 anni, tale tasso arriva al 75%.
 
La percentuale di infertilità è calcolata intorno all’8% per le donne di 19-26 anni, 14% nelle donne tra 27 e 34 anni, ma oltre il 50% nelle donne con età superiore ai 40 anni. Nella procreazione assistita, il tasso di successo si riduce anch’esso fortemente con l’avanzare dell’età femminile. A 30 anni è mediamente del 30%, a 35 anni intorno al 24% e a 40 anni scende al 16%.
 
I risultati complessivamente peggiori che si osservano in donne in età superiore ai 40 anni sono dovuti sostanzialmente agli effetti combinati della riduzione del numero di follicoli e della ridotta qualità ovocitaria. Gli ovociti sono cellule speciali che hanno arrestato le loro divisioni cellulari; tale processo di divisione riprende al momento dell’ovulazione e si completa solo dopo la fecondazione.
 
Con l’età, i meccanismi che regolano questi eventi si alterano, pertanto la qualità degli ovociti prodotti peggiora; di conseguenza, la qualità degli embrioni prodotti sarà ridotta, e quindi la maggior parte di essi non darà origine ad una gravidanza evolutiva. Peggiorano inoltre i fattori non embrionali, che alterano anche la capacità di concepire e portare avanti la gravidanza. A livello uterino, possono essere presenti con grande frequenza i fibromi, formazioni tumorali benigne.
 
I fibromi possono essere sottomucosi, cioè posti dentro la cavità uterina, intramurali cioè posti nello spessore del muscolo uterino, o sottosierosi, cioè posti esternamente all’utero. I fibromi sottomucosi, insieme ai polipi, anch’essi frequenti nella donna di età avanzata, possono essere responsabili di abortività ripetuta, mentre i fibromi intramurali possono indurre una contrattilità alterata dell’utero, con difficoltoso trasporto degli spermatozoi e dell’embrione.
 
Un'altra patologia che si riscontra in donne di età avanzata è l’adenomiosi, una patologia complessa e per molti versi sconosciuta che sembra alterare la fertilità e secondo alcuni autori anche il successo delle tecniche di procreazione assistita. L’endometriosi è un’altra patologia che è responsabile di alterazioni embrionali che giustificano un ridotto successo della fertilità e delle tecniche di procreazione assistita.
 
Tratto da: www.donnamed.it
Sterilità di coppia: quando il problema è ...
Quando possiamo dire che una coppia è "sterile"? Se il problema è maschile, da cosa può dipendere e come si può in...
3
Sintomi di gravidanza
Incinta o no? Alcune donne sentono da subito di aver concepito un figlio, altre hanno bisogno di numerosi test di gravid...
3
La temperatura corporea basale
Esistono 3 indizi naturali di fertilità autovalutabili dalla donna, che sono la temperatura corporea casale (TB), il mu...
3
Fecondazione in vitro: i cibi che aiutano
Una dieta che comprenda avocado, olive, semi, noci e olio d’oliva triplica le possibilità di successo della fecondazione...
2


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo