La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Dopo il parto in ospedale

Dr. Agostino Mangiaracina, 4.5.2010
Il pediatra sarà la persona che dovrà farsi carico del benessere del bambino e che lo seguirà nel lungo percorso della sua crescita. I primi esami avvengono gia' in ospedale.

image
/11


La nascita non consiste solamente nell’inizio dell’autonomia delle funzioni fisiologiche come la respirazione, la circolazione o la digestione, ma nel "venire alla luce", nell’ingresso del neonato nel mondo del reale come persona, un essere umano che solo la madre è pronta ad accogliere nel modo più naturale. Tra le braccia della mamma può ritrovare quel contenimento tranquillizzante simile a quando era contenuto nel corpo materno: solo la madre può accompagnarlo nell’avventura della reciproca scoperta e conoscenza. È quindi importante che mamma e neonato stiano insieme il più a lungo possibile. Nella scelta del centro dove partorire, sarà opportuno tenere in giusto conto il rispetto di questo criterio.
 
Screening neonatali
 
Tra la 48a e la 72a ora di vita tutti i neonati vengono sottoposti al prelievo di poche gocce di sangue dal tallone per eseguire alcuni esami per l’identificazione di alcune rare malattie metaboliche, che se non diagnosticate e curate precocemente possono compromettere seriamente lo sviluppo del bambino. In alcuni centri viene inoltre eseguito, di norma prima della dimissione, un particolare esame dell’udito (otoemissioni) per la ricerca precoce dei difetti uditivi congeniti.
 
La dimissione del neonato
 
Al momento della dimissione del neonato, nel corso del breve colloquio con il pediatra, viene consegnata una scheda che riporta i dati salienti relativi alla nascita del bambino, gli esami eventualmente eseguiti durante la permanenza in ospedale e le indicazioni per i controlli successivi.
 
In alcune maternità, in assenza di fattori di rischio e se la mamma lo desidera, è possibile la Dimissione Precoce Protetta tra la 36a e la 48a ora di vita, con assistenza domiciliare del pediatra neonatologo e dell’ostetrica.
 
Si consiglia di eseguire una prima visita pediatrica dopo 7-10 giorni dalla dimissione, per verificare lo stato di salute del neonato e risolvere eventuali dubbi o problemi. Si consiglia inoltre l’esecuzione dell’ecografia del bacino, che sarà eseguita nel corso del terzo mese di vita, per la diagnosi precoce della displasia dell’anca.
 
Tratto da: www.gravida.org, con il gentile permesso del dr. Liverani
Gravidanza: in forma dopo il parto
Il recupero del peso forma dopo una gravidanza richiede pazienza. Ma con un'alimentazione corretta, un po' di movimento ...
4
Primi mesi: il sorriso del bambino
Nei primi mesi di vita il sorriso è il linguaggio con cui il neonato comunica in modo positivo e dolce con il mondo este...
3
Allattamento (materno-artificiale-misto)
Per alimentare il neonato l'allattamento al seno costituisce certamente la miglior soluzione. Basti pensare che il latte...
3
Allattare: la posizione sdraiata
L'allattamento da sdraiata è molto comodo, soprattutto per le poppate notturne: vediamo quali sono i vantaggi e quali so...
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

papà in sala parto
milula.7581

siete d'accordo sulla presenza dei papà in sala parto?

assolutamente si (46%)

si, solo se la scelta è spontanea e volontaria (48%)

assolutamnente no (1%)

anche sotto costrizione (0%)

preferisco un parente (1%)

voglio stare sola (4%)


Voti in tutto: 153

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.