La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Utero retroverso: fertilità e gravidanza

Miobambino, 19.12.2014
Circa il 23% delle donne presenta un utero retroverso (o retroflesso) ma non si tratta di una patologia, significa semplicemente che anatomicamente l'utero è voltato all’indietro, in direzione del retto. Ha conseguenze su fertilità e gravidanza?

image
/11



L'utero retroverso non ha di solito ripercussioni negative sulla fertilità della donna, sul processo di fecondazione o sull'andamento della gravidanza: l'utero è un organo molto flessibile, che si modifica e cambia forma e posizione con il crescere del feto.
Durante la gravidanza l’utero retroverso torna naturalmente in posizione verticale a causa dell’aumento di volume: la retroversione si corregge dunque da sola verso l’inizio del quarto mese di gravidanza.

Se la retroversione non si corregge spontaneamente una semplice manovra effettuata con le dita per via vaginale consente di riportare l’utero in posizione anteversa, permettendo così il normale svolgimento della gravidanza.

In alcuni rari casi può succedere che l’utero rimanga retroverso, con il rischio di causare ritenzione  urinaria (se il collo dell’utero va ad appoggiarsi sulla vescica e sull’uretra impedisce la discesa dell’urina) o “'incarcerazione uterina” (se un crescente utero retroverso viene incastrato nelle pelvi dopo il primo trimestre di gravidanza).

La presenza di un utero retroverso non aumenta il ricorso al cesareo o l’incidenza delle complicazioni durante la gravidanza e il parto (può succedere ma tratta di casi eccezionali in cui il parto naturale può quindi risultare più difficoltoso, rendendo necessario il ricorso al taglio cesareo).

Alcuni esercizi (contrazioni pelviche o esercizi di Kegel) rinforzano i muscoli che circondano l'utero, aiutandolo ad assumere la posizione verticale e a ridurre l'incontinenza.

 

foto: M. Sundstrom


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo

Le tappe dell`adozione
Le tappe da dover seguire per poter adottare un minore sono molteplici, ma interamente volte a scegliere coppie realment...
5
Miomi uterini: fertilità e gravidanza
I miomi (fibromi uterini) sono tumori benigni molto frequenti che in base alla localizzazione e alle dimensioni possono ...
5
Bambini in provetta
La fecondazione assistita in Italia: il punto della situazione a cinquant'anni dalla scoperta delle gonadotropine
4
Fivet: la fecondazione in vitro
Un video di animazione per capire cosa accade con la fecondazione in vitro
4