La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Incidenti: proteggi e soccorri il tuo bambino!

Miobambino, 24.10.2014
Un video fondamentale per imparare a proteggere i bambini dagli incidenti domestici e in auto e per capire come affrontare le emergenze. Tutti i genitori dovrebbero vederlo!

/21



Un video molto importante per imparare a proteggere i bambini dagli incidenti domestici e in auto e per capire come affrontare le emergenze.
Gli incidenti succedono quando meno ce li aspettiamo e succedono in un momento. La metà degli incidenti domestici coinvolge i piccoli fino ai 4 anni e i maschietti si fanno male 2 volte più delle femmine.
Ogni anno in Italia circa 200 bambini muoiono per incidenti in auto, circa 400 muoiono per incidenti domestici, più di 20.00 bambini si feriscono e oltre 1.000 bambini rimangono invalidi per sempre.
Come prevenire, cosa fare e non fare e come affrontare i casi gravi.
Intervenire subito in caso di incidenti d'auto o domestici può salvare la vita di un bambino, ma bisogna farlo nel modo giusto. Ecco dunque perché proporre un video che possa essere facilmente condiviso sul web per raggiungere il numero maggiore di persone possibile. 
"I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli" è un intero e completo corso di prevenzione e primo soccorso pediatrico. Spiega come evitare gli incidenti a casa e in auto. Come intervenire in caso di ferite, scottature, colpi di sole... e come praticare le manovre di rianimazione quando serve. 
Ogni persona che ha a che fare coi bambini dovrebbe vedere questo video, un progetto no profit di Annamaria Testa, realizzato secondo le ultime indicazioni europee, in collaborazione con l’Ospedale Buzzi di Milano e approvato da tutti i maggiori enti di rianimazione e pronto soccorso. 

Ogni anno in Italia circa 200 bambini muoiono per incidenti in auto, circa 400 muoiono per incidenti domestici, più di 20.00 bambini si feriscono e oltre 1.000 bambini rimangono invalidi per sempre.

Gli incidenti succedono quando meno ce li aspettiamo e succedono in un momento. La metà degli incidenti domestici coinvolge i piccoli fino ai 4 anni e i maschietti si fanno male 2 volte più delle femmine.


Intervenire subito in caso di incidenti d'auto o domestici può salvare la vita di un bambino, ma bisogna farlo nel modo giusto.


Questo video intitolato "I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli" è un corso di prevenzione e primo soccorso pediatrico.

Spiega come evitare gli incidenti a casa e in auto, come intervenire in caso di ferite, scottature, colpi di sole... e come praticare le manovre di rianimazione quando serve. 

Ogni persona che ha a che fare coi bambini dovrebbe vedere questo video, un progetto no profit di Annamaria Testa, realizzato secondo le ultime indicazioni europee, in collaborazione con l’Ospedale Buzzi di Milano e approvato da tutti i maggiori enti di rianimazione e pronto soccorso. 

foto: Gerry Thomasen

 

Vedi tutti gli articoli della sezione Sanità e sicurezza

 

 


Il momento giusto per dire addio al pannolino
I segnali che indicano che tuo figlio può finalmente abbandonare il pannolino
3
Come festeggiare il suo primo compleanno
Il primo compleanno di un bambino diventa spesso un evento sociale, un'occasione gioiosa per la famiglia e genitori. Ecc...
3
Sviluppo motorio: come capire se qualcosa ...
Tra i 3 e i 12 mesi il bambino può presentare alcuni segnali di allarme di un possibile ritardo nello sviluppo motorio. ...
3
I danni che provocano i genitori iperprote...
I primi anni sono fondamentali per lo sviluppo cognitivo ed emotivo dei nostri bambini. Imparare a proteggerli senza sof...
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo