La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Gli antidepressivi in gravidanza

4.5.2010
Assumere psicofarmaci durante la gravidanza espone i bambini a possibili ritardi dello sviluppo psicofisico

image
/11


Un articolato studio che ha coinvolto 81.000 bambini danesi ha suggerito che i neonati, in particolare maschi, nati da madri che in gravidanza hanno assunto antidepressivi durante il secondo o terzo trimestre hanno maggiori difficoltà nello stare seduti o camminare rispetto ai coetanei nati da madri che non hanno assunto psicofarmaci.

Nonostante questi ritardi, il progresso rientrava ancora entro i limiti del “normale” sviluppo e non si sa se questa situazione sia temporanea o permanente, fanno notare i ricercatori.

In media, i bambini riuscivano a stare seduti con circa 16 giorni di ritardo e a camminare con un mese di ritardo rispetto ai coetanei. Anche se entro i 19 mesi non si notavano più particolari differenze in termini di competenze motorie, si è invece notato che questi bambini non riuscivano a tenersi occupati per più di 15 minuti consecutivi. Più avanti nel tempo, riguardo alle altre 14 tappe dello sviluppo reputate fondamentali, le donne sono state interrogate in merito alle capacità dei bambini. Queste tappe interessano l’area del linguaggio, della socialità, dello sviluppo motorio e del controllo della testa e della capacità di girarsi su se stessi da sdraiati. Dalle indagini non hanno mostrato significative differenze tra i bambini esposti agli antidepressivi e quelli non esposti.

I risultati dello studio che sono stati pubblicati sulla rivista Pediatrics, hanno messo in allarme molte mamme; per questo motivo la dottoressa Diane Ashton - Direttore della sezione di ginecologia e ostetricia della March of Dimes, un’organizzazione sanitaria no-profit per la salute della donna e del bambino – ha esortato le donne a non prendere decisioni affrettate circa la sospensione della cura per la depressione e di consultare prima il proprio medico. «Per molte parti, riteniamo che sia importante per le donne essere adeguatamente trattate per la depressione durante la gravidanza. A seconda della gravità dei sintomi, potrebbe non esserci scelta. Se la madre è depressa o potenzialmente suicida, fino al punto di far male a se stessa, ha bisogno di cure». Conclude la dottoressa Ashton.
Fonte: La Stampa
Frutti di mare in gravidanza: si possono m...
Durante la gravidanza è possibile mangiare pesce, frutti di mare, molluschi e crostacei o è pericoloso per la salute di ...
4
Le tecniche di preparazione al parto
Esistono molti tipi diversi di corsi pre-parto: training autogeno respiratorio, stretching e yoga sono i più conosciuti....
4
Stop al diabete con le staminali
Le cellule staminali cordonali possono curare anche il diabete 1. Ce ne parla il Prof. Paolo Fiorina, ricercatore presso...
4
Forma e grandezza del pancione in gravidanza
Molte mamme temono che il loro pancione non sia della grandezza “giusta” e si confrontano con le altre mamme. Ma che for...
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

SFIDA!!!!!!
Unacoppia

Ciao a te che stai leggendo! Il forum è deserto, ti sfido a postare un messaggio se sei un utente iscritto, vediamo se ne sarai capace, eh eh;)

si, lo faccio subito (93%)

si, lo farò presto, promesso (0%)

non ci penso nemmeno! (7%)


Voti in tutto: 15

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.