La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Papà meno giovani per figli più longevi

Miobambino, 1.7.2012
Una buona notizia per gli uomini che diventano papà quando non sono più giovani, oltre i 40 o addirittura oltre i 50. Uno studio americano rivela che i padri maturi lasciano in eredità ai figli una maggiore longevità.
Parole chiave:

image
/11


 

Uno studio della Northwestern University (Illinois), condotto su quasi 2mila persone rivela che i padri maturi lasciano in eredità ai figli cromosomi più «protetti», in pratica regalano loro una maggiore longevità.

 

La differenza la fanno i telomeri, ovvero le parti terminali dei cromosomi, composte da sequenze ripetute di DNA: nei papà «anziani», essendo più lunghi, rallentano l'invecchiamento cellulare con un effetto che si amplifica col passare delle generazioni.

 

I ricercatori hanno condotto studiato 1.779 giovani filippini (diventati padri tra i 15 e i 43 anni) e le loro famiglie e hanno scoperto che la lunghezza dei telomeri di un individuo aumenta non solo con l'aumentare dell'età in cui il padre lo ha messo al mondo, ma anche con l'età che aveva il nonno paterno quando a sua volta era diventato papà.

 

I ricercatori sottolineano comunque che questo non significa che sia preferibile diventare padri più tardi, perché con l'età può aumentare la probabilità di trasmettere al figlio mutazioni che possono portare ad aborti o malattie genetiche.

Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo

Infertilità maschile: lo spermiogramma
Lo spermiogramma è lo strumento fondamentale per diagnosticare la sterilità maschile.
5
Biochimica e riproduzione
L' infertilita' oggigiorno e' sempre piu' difusa. Alcune delle ragioni di infertilita' possono essere scoperte e anche e...
4
La temperatura corporea basale
Esistono 3 indizi naturali di fertilità autovalutabili dalla donna, che sono la temperatura corporea casale (TB), il mu...
4
Adozioni
Nel 2008 ci sono delle importanti novita' in casi di adozioni o affidamenti preadottivi. L'indennita' di maternita' é pr...
3



Sondaggio

Dolori al seno
Titti76

Nei 15 giorni successivi all'ovulazione, quanto vi fa male il seno?

Non sento la differenza (22%)

Un leggero indolensimento (22%)

Un leggero indolensimento e lieve aumento delle dimensioni (21%)

Indolensimento e dolore se urtato e lieve auento delle dimensioni (29%)

Dolore da non poter fare le stesse attivita` fisiche e deciso aumento delle dimensioni (7%)


Voti in tutto: 73

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.