La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

La prima visita dall’oculista: quando farla?

Miobambino, 20.8.2013
Va fatta presto, già a diciotto mesi, perché se i difetti vengono identificati nei primi anni di vita, avremo migliori possibilità di curarli e risolverli bene
Parole chiave:

image
/11


  

I nostri bambini apprendono per l’80% attraverso gli occhi.

Già a due mesi sono in grado di riconoscere il seno come fonte di nutrimento e di focalizzare il nostro volto.

Purtroppo oltre il 60% dei bimbi tra gli uno e i cinque anni non ha mai fatto una visita dall’oculista. Così, dopo l’esame oftalmologico di routine che si effettua al momento della nascita, la maggior parte dei bimbi non è più sottoposto ad alcun controllo.

E questo nonostante il crescente impegno visivo dei nostri bimbi oggi abbia bisogno di un monitoraggio costante.

Se trascurati, i difetti alla vista possono influenzare negativamente anche l’andamento scolastico, creando a catena molteplici disagi psicologici.

 

Perché la diagnosi precoce è importante

Alcuni disturbi dei nostri piccoli possono essere risolti molto bene, solo se individuati precocemente. Quindi la visita dall’oculista, già a 18 mesi, può trasformarsi in uno strumento prezioso per diagnosticare molti difetti visivi e correggerli adeguatamente.

Per aiutare il bambino a vincere i suoi timori iniziali, possiamo raccontargli con parole semplici quanto avverrà nel corso della visita, prospettandogliela come un gioco, un’esperienza nuova, sulla quale potrà anche confrontarsi con qualche amichetto, per eliminare ogni ansia.

 

I segnali da non trascurare

Ci sembra che il nostro bambino faccia fatica a mettere a fuoco gli oggetti lontani, strizza frequentemente gli occhietti, che spesso lacrimano e sono arrossati. In più ci pare che sia più svogliato a scuola, che fatichi a leggere e quindi abbia meno voglia di stare sui libri.

Mamma e papà, osservatori privilegiati, devono cogliere questi segnali per potersi rivolgere tempestivamente all’oculista.

 

Ecco i principali campanelli d’allarme:

 Nei primissimi mesi

  • Alterazione di forma o colore dei bulbi oculari o della pupilla.
  • Ha un'eccessiva lacrimazione.
  • Ha uno strabismo costante e fisso.
  • La luce gli dà molto fastidio.

 

 Dai 6 ai12 mesi

  • Per controllare la funzione visiva nel primo anno di vita possiamo aiutarci con questo semplice esperimento: muoviamo lentamente a 30 cm dal viso un cartoncino con delle figure colorate, se il piccolo non ha problemi alla vista, lo seguirà con gli occhi.

 

 Dal 2° al 5° anno

  • Ha difficoltà a distinguere giochi e persone da lontano.
  • Tende a stropicciare e sfregarsi gli occhi o socchiudere le palpebre per vedere meglio.
  • Soffre di mal di testa continui e inspiegabili.
  • Ha le vertigini.
  • Tende a guardare la televisione troppo da vicino.
  • I suoi occhietti sono spesso arrossati e lacrimano eccessivamente.
  • Prova fastidio se la luce è intensa e tende a reagire chiudendo gli occhietti.
  • Tende a incrociare spesso gli occhi o, al contrario, a guardare verso l’esterno.

 

fonte:riza.it


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo

Odontoiatria pediatrica
I piccoli gesti quotidiani da imparare sin da piccoli per conservare denti sani fino all'età adulta.
3
Che tipo di genitore sei?
Nel video una psicologa spiega le varie tipologie di genitori. Qual è la migliore per crescere ed educare figli equilibr...
3
Educare bambini e ragazzi alla TV
L’effetto che la TV esercita assume una valenza positiva o negativa in base al modo in cui genitori e figli partecipano ...
3
Le 10 regole per i bambini allergici
In Italia si registra negli ultimi anni un grave incremento delle malattie allergiche tra bambini e adolescenti. Ecco un...
2