La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

SOS morbillo

Miobambino, 26.1.2012
Come è necessario comportarsi in caso di morbillo? Si tratta di una malattia grave? In caso di gravidanza è pericoloso?

/11


 

Che cos'è il morbillo?
Il morbillo è una malattia esantematica sostenuta da un virus che oggi fortunatamente vediamo molto raramente. Esistono dei casi di importazione perché la maggior parte dei bambini è vaccinata contro il morbillo.


Qual è il decorso della malattia?
Dopo un periodo di incubazione che generalmente dura 10 giorni, compare una febbre abbastanza elevata (38,5°-39°) accompagnata dai segni cosiddetti mucositi, cioè il bambino ha raffreddore, congiuntivite, una tosse stizzosa abbastanza insistente e disturbante per il bambino.


Dopo 3-4 giorni di questa sintomatologia compare un esantema a distribuzione cranio-caudale che di solito inizia in volto, in modo particolare dietro le orecchie e poi si distribuisce sul resto del corpo.

L'esantema sono macule papule, ovvero macchie di un rosso abbastanza intenso che tendono a diventare confluenti tanto che il bambino assume un aspetto quasi completamente rossastro.
Quando compare l'esantema la febbre tende a durare ancora 1-2 giorni dopodiché scompare come le mucositi e in pochi giorni l'esantema si risolve.


Cosa fare in caso di morbillo?
In caso di morbillo è necessario trattenere il bimbo in casa, isolandolo nel proprio ambiente.
Utilizzare gli antipiretici, soprattutto il paracetamolo in età pediatrica, e non servono altri particolari provvedimenti.


Possono esserci delle complicanze?
È una malattia che può debilitare abbastanza il sistema immunitario e favorire le complicanze che possono essere virali, cioè legate allo stesso virus del morbillo, oppure anche complicanze batteriche e possono riguardare i polmoni, l'orecchio o il sistema nervoso centrale.


È necessario vaccinarsi contro il morbillo?
L'esantema del morbillo è intenso, diffuso e confluente, però disturba poco il bambino. È una malattia non particolarmente grave che però può diventarlo. La vaccinazione ha contribuito molto a controllare la malattia e le sue complicanze.


Morbillo in gravidanza?
Il morbillo in gravidanza non è un'infezione particolarmente importante e grave. Non sono segnalate situazioni di tipo malformativo legate alla malattia.
Essendo una malattia comunque debilitante dal punto di vista immunitario potrebbe favorire in gravidanza delle complicanze e queste complicanze potrebbero a loro volta essere dannose nel periodo del concepimento e possono portare a parti prematuri.


foto: Liubov Grigoryeva

 


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo

Gelosia tra fratelli
La gelosia verso il nuovo nato e' un sentimento normale, ma spesso fa' stare male i bambini piu' grandi.
8
In calo nel mondo la mortalità infantile
Si abbassa costantemente nel mondo il numero di decessi di bambini tra 0 e 5 anni. Ma ancora un numero intollerabilmente...
4
Cos`è l`autismo?
L'autismo è un disturbo dello sviluppo della funzione cerebrale causato da alterazioni neurobiologiche, che comporta s...
4
La Riforma Gelmini: il testo, gli approfon...
Si è parlato e si parla moltissimo di Riforma Gelmini. Quest' articolo cercera di fornire alcuni spunti di riflessione, ...
4



Sondaggio

nomi che non si usano quasi piu-quale preferite tra questi?
Unacoppia

tante mamme di 30 o 40 portano uno di questi nomi...ma per le bimbe ormai si scelgono poco:(

Patrizia (6%)

Roberta (23%)

Tiziana (12%)

Luisa (9%)

Paola (13%)

Claudia (36%)


Voti in tutto: 162

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.