La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Problemi della gravidanza

4.5.2010
Innsonia, crampi, prurito...prima di essere incinte non avevate problemi del genere, ma quando si e' in dolce attesa capita anche questo.

image
/11


 
PIROSI ESOFAGEA:

    * E' un senso di bruciore causato dal reflusso del contenuto acido dallo stomaco all'esofago, dovuto allo spostamento dello stomaco verso l'alto e alla sua sovradistensione dopo i pasti.

    * Consigliati pasti piccoli e frequenti nell'arco della giornata e preparati antiacidi. 
 
METEORISMO:
    * E' causato dal rallentamento della peristalsi. Sono sconsigliati alcuni cibi che favoriscono la formazione di gas come i fagioli e gli altri legumi, i cavoli, i dolci e le fritture. 
 
STIPSI:
 
    * Si consiglia una dieta contenente frutta fresca, verdura e fibre, un regolare apporto di acqua ed il movimento. Se ciò non bastasse si può utilizzare un blando lassativo.
 
EDEMI DECLIVI:

    * Sono la conseguenza della stasi del circolo causata dall'ostacolo al deflusso venoso nei territori della vena cava inferiore (si accentua nel 3° trimestre).

    * Stendersi in decubito laterale sinistro di tanto in tanto nell'arco della giornata.

    * Tenere i piedi leggermente sollevati da terra ogni volta che ci si siede.
 
VARICI:

    * Compaiono agli arti inferiori e alla vulva, dovute all'aumento della pressione venosa nei distretti della vena cava inferiore che causa la dilatazione delle pareti venose sollecitandone la già modesta elasticità.

    * Compaiono più spesso se la gestante passa molto tempo ferma in piedi.

    * Si consiglia di tenere i piedi e le gambe sollevate da terra quando la donna è seduta.

    * In piedi indossare scarpe basse, muovere spesso le gambe (la contrazione dei muscoli agisce come una pompa e favorisce il ritorno venoso).

    * Rimuovere ogni ostacolo al ritorno venoso (calzettoni, gambaletti).

    * Utilizzare collants a compressione graduata.

    * Stendersi tenendo le gambe sollevate rispetto al tronco.
 
EMORROIDI:

    * La loro comparsa è favorita dall'aumento della pressione venosa e dalla stipsi, si possono manifestare anche in seguito al parto.

    * Il dolore può essere mitigato da applicazioni locali di ghiaccio o di pomate prescritte dal medico.

    * Dopo il parto è frequente la scomparsa o il netto miglioramento.
 
CRAMPI ALLE GAMBE:

    * Sono contratture muscolari causate da una carenza alimentare di calcio.

    * E' consigliata la correzione della composizione della dieta.

    * Quando il crampo si manifesta appoggiare i piedi a terra ed alzarsi ripetutamente sulla punta degli stessi, afferrare con una mano la punta del piede e tirarla con forza verso l'alto allo scopo di distendere i muscoli del polpaccio, con la mano libera massaggiare la zona dolente.
 
DOLENZIA SOVRAPUBICA:

    * Spesso è legata alla distensione dei legamenti rotondi che si accompagna all'aumento di volume dell'utero.

    * In genere recede con il riposo, se compare in posizione distesa si attenua con il cambiamento di posizione da un fianco all'altro.
 
AFFATICABILITA' E SONNOLENZA:

    * Spesso insorgono durante lo svolgimento di attività che prima si svolgevano con disinvoltura, la sonnolenza compare ad orari inconsueti in precedenza.

    * Assecondare quando è possibile queste tendenze che sono la manifestazione del bisogno di riposo da parte dell'organismo che lo stato di gravidanza impegna massivamente sul piano metabolico.
 
INSONNIA:

 * Compare soprattutto nell'ultimo trimestre, può essere causata dalla difficoltà di trovare una posizione confortevole nel letto, da energici movimenti fetali, da piccole contrazioni uterine o da motivi psicologici.

    * L'utilizzo di una tisana calda, di un bagno rilassante o di una lettura prima di andare a letto può essere utile.

    * Un piccolo cuscino a sostegno dell'addome può rendere più comodo il decubito laterale.

    * Le tecniche di rilassamento si prestano a facilitare il sonno.
 
PRURITO:

    * Insorge spesso di sera al seno, al palmo delle mani, all'addome. E' legato all'aumentata secrezione delle ghiandole sottocutanee, all'edema e alla sovradistensione della cute.

    * Sono consigliati bagni caldi in acqua alcalinizzata (sali da bagno).
 
MINZIONE FREQUENTE:

    * .E' dovuta all'effetto della compressione che l'utero sviluppandosi esercita sulla vescica nel 1° trimestre e per effetto della pressione esercitata dalla testa fetale nel 3° trimestre.

 
Tratto da: http://www.ausl.pc.it/dedicato/dedicato_donne/dedicato_donne.asp

Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo

Il primo trimestre
Ecco che cosa succede al feto durante il primo trimestre della gravidanza.
6
Primo trimestre di gravidanza: la quinta s...
Un video per capire come si presenta tuo figlio nel pancione intorno alla quinta settimana di gravidanza
6
Frutti di mare in gravidanza: si possono m...
Durante la gravidanza è possibile mangiare pesce, frutti di mare, molluschi e crostacei o è pericoloso per la salute di ...
5
Gravidanza: le virtù della danza del ventre
Dal miglioramento del tono muscolare alla riscoperta della femminilità: tutti i benefici della danza del ventre durante ...
4