La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Ferite dei bambini: cosa fare

Miobambino, 19.9.2014
Una mini-guida per sapere come intervenire quando il bambino si ferisce o si taglia. Parola d'ordine: mantenere la calma

image
/11


 

Sbucciature:

Lava la ferita usando il sapone: è indispensabile per rimuovere polvere, terra ed eventuali corpi estranei presenti sotto la cute. Se necessario si può sfregare per ottenere una migliore pulizia. Disinfettate con un antisettico e coprite con garza e cerotto.

 

Schegge:

Lava con acqua e sapone e cerca di rimuovere le schegge di piccole dimensioni con pinzette disinfettate o con un ago (va molto bene quello di una siringa: è affilato e sterile). Se non ci riesci o se la scheggia è in un posto delicato come il volto porta il bambino dal pediatra.

 

Ferite e tagli:

La prima cosa da fare è lavare la ferita con abbondante acqua, togliere delicatamente eventuali corpi estranei, pulire con disinfettante che non bruci e poi comprimere con una benda sterile per arrestare l’emorragia.

Se la ferita sanguina molto continua a comprimetela per fermare l’emorragia: affinché si formi il coagulo di sangue può essere necessario comprimerla anche per 8-10 minuti.

Se il taglio è esteso e profondo e l'emorragia non si arresta, mantieni la pressione fino a raggiungere l'ospedale.

 

Le ferite da punta o da taglio possono essere profonde e nascondere lesioni di tendini e nervi; meglio farle vedere dal medico curante.

 

Le ferite da vetro potrebbero essere insidiose e vanno trattate come quelle da punta e taglio; attenzione anche al pericolo di ritenzione di frammenti di vetro in profondità.

 

Quando mettere i punti di sutura?

I punti di sutura vanno messi entro 12 ore dal trauma, in caso di ferite profonde o di ferite i cui bordi tendono a separarsi, soprattutto se interessano il volto.

Senza punti di sutura la ferita guarirebbe lo stesso, ma con una cicatrice esteticamente poco gradevole.


Come curare la ferita

Se avete portato il bambino in Pronto Soccorso è meglio non rimuovere la medicazione applicata per almeno 48 ore, a meno che questa non sia bagnata.

Dopo 48 ore si può rimuovere la prima medicazione, disinfettare con Betadine o Amukina MED e coprire con una nuova garza sterile

In base al tipo di ferita possono essere opportune medicazioni periodiche fino alla rimozione dei punti (o in caso di punti riassorbibili fino a che questi non cadano da soli).

Non grattare o sollevare i punti di sutura.

Se sono stati applicati sopra degli steri-strips mantenerli per almeno 4-5 giorni.

Se la ferita sanguinasse tamponarla per alcuni minuti, se il sanguinamento non si interrompe dopo 15 minuti, contattare il proprio curante o tornare in Pronto Soccorso.


Favorire la cicatrizzazione

Per favorire una buona cicatrizzazione, ricordarsi di:

  • tenere pulita la ferita

  • evitare che ci sia un nuovo trauma sulla ferita almeno nei primi mesi

  • applicare una protezione solare a schermo totale per 1 anno

  • applicare crema a base di Vitamina E per 5-10 giorni dopo la rimozione dei punti

Servono circa 12 mesi per avere una cicatrizzazione definitiva.


La rimozione dei punti

In caso di punti non riassorbibili è necessaria la rimozione che può essere eseguita anche dal proprio pediatra (almeno 5-7 giorni per il viso, 10-12 giorni per scalpo, tronco, arti, 14 giorni per giunzioni mani e piedi).

 

Leggi anche:

Se il bambino ingerisce un corpo estraneo..

Le manovre salva-vita

La casa a prova di bambino

Bambini in casa: prevenire gli incidenti domestici

Natale in sicurezza

Bambini in automobile: proteggiamoli!

Viaggiare sicuri: il bambino in automobile

Incidenti: proteggi e soccorri il tuo bambino!

 


L’intelligenza emotiva
Che cos'è l'intelligenza emotiva (EQ)? Come influenza la vita del nostro bambino?
3
Bambino: scegliere le scarpe adatte
Come orientarsi nell’acquisto delle scarpe per bambini: ecco le regole da seguire per non commettere errori
3
SOS varicella
Come si riconosce? Si può curare? Quanto dura? Può essere pericolosa in gravidanza? Esiste un vaccino?
3
Odontoiatria pediatrica
I piccoli gesti quotidiani da imparare sin da piccoli per conservare denti sani fino all'età adulta.
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo