La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

L`influenza in gravidanza

Miobambino, 4.5.2010
Contrarre il virus influenzale durante la gravidanza potrebbe nuocere al feto, influenzando negativamente lo sviluppo del suo cervello

image
/11


 

Contrarre l’influenza in gravidanza è un evento che è stato considerato in diverse occasioni in modo contradditorio: c’è chi ritiene non causi particolari problemi se curata adeguatamente, mentre c’è chi invece ha più volte lanciato l’allarme sui possibili pericoli, soprattutto per il feto.


Un nuovo studio condotto su modello animale suggerisce invece che i virus influenzali possano influire negativamente sullo sviluppo del cervello del feto ed esporre al rischio di sviluppare la schizofrenia.

I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison, in collaborazione con l’Università del North Carolina a Chapel Hill, hanno scoperto che i neonati di scimmie Rhesus partoriti da madri che avevano contratto il virus dell’influenza avevano un cervello più piccolo del normale e rispetto a quelli nati da madri che non avevano avuto la malattia.

In più, il cervello di questi cuccioli interessati dall’influenza mostrava le tipiche modifiche osservate nel cervello umano di pazienti affetti da schizofrenia.


Secondo la dottoressa Sarah J. Short che ha coordinato lo studio, questo, oltre a essere il primo studio del genere che prende in considerazione gli effetti dell’influenza contratta in gravidanza sul cervello delle scimmie è anche il primo che conferma quanto già suggerito da precedenti studi sui topi, i quali mostravano un aumento del rischio di schizofrenia nella prole.


«Questa è stata una infezione influenzale relativamente lieve, ma ha avuto un effetto significativo sul cervello dei neonati». Anche se questi risultati non sono direttamente applicabili agli esseri umani, secondo quanto raccomandato dal Center for Disease Control and Prevention, le donne incinte dovrebbero prendere tutte le precauzioni e e servirsi dei sistemi di prevenzione dell’influenza, prima di ammalarsi, suggerisce la Short sulle pagine della rivista “Biological Psychiatry” su cui sono stati pubblicati i risultati dello studio.


«I cambiamenti nel cervello che abbiamo scoperto nei neonati di scimmia sono simili a ciò che di solito si vede nella risonanza magnetica delle persone affette da schizofrenia. Questo suggerisce che i neonati umani le cui madri avevano l'influenza durante la gravidanza possono avere un rischio maggiore di sviluppare la schizofrenia più tardi nella vita di bambini, rispetto a coloro le cui madri non hanno avuto l'influenza. Normalmente il rischio colpisce circa 1 neonato ogni 100 nascite. Studi sull'uomo suggeriscono che per i neonati esposti all'influenza, il rischio è di 2 o 3 ogni 100 nascite», concludono i ricercatori.

Fonte: La Stampa


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo

La corretta datazione della gravidanza
Perché è importante la corretta datazione della gravidanza? Come si esegue?
4
Il ferro in gravidanza
Durante la gravidanza il consumo di ferro è di vitale importanza per la salute di mamma e nascituro. Ecco gli alimenti a...
4
L`ipertensione in gravidanza
Quali sono i rischi della pressione troppo alta in gravidanza? Come si può intervenire? Si può curare?
4
Il parto spontaneo e la paura del parto
La mamma al termine della gravidanza è spesso spaventata dal parto e poco informata. Ma partorire senza paura è possibil...
4