La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

La prima poppata subito dopo il parto

Miobambino, 13.10.2014
In questo video Martina Carabetta, Consulente Professionale in Allattamento Materno, spiega l'importanza di attaccare il bambino al seno subito dopo la nascita, possibilmente entro mezz'ora dal parto.

/11


 

Nel video, Martina Carabetta -- IBCLC (Consulente Professionale in Allattamento Materno) Ambulatorio per l'allattamento Latte & Coccole.
Il latte materno è un liquido vivo, che contiene tutto quello che serve al neonato, che nasce con un discreto grado di immaturità a tutti i livelli (paragoniamolo per es. ai vitellini, le caprette, o molti altri mammiferi), e ha bisogno di un sistema che gli permetta di sviluppare al meglio tutte le potenzialità che alla nascita sono ancora immature.
E' importante sottolineare che quando si parla di allattamento, stiamo parlando di un sistema biologico complesso che è molto di più che "dare cibo".
Attraverso l'allattamento la madre dà al suo piccolo:
- i nutrienti giusti e perfetti per la sua crescita, nella forma ottimale per essere assimilati e digeriti, senza eccessi né carenze
- enzimi per aiutare ancor più la digestione e l'assorbimento di tali nutrienti
- acqua per dissetarlo quando ha sete
- fattori immunitari per aiutare il suo sistema di difesa ancora immaturo a rispondere adeguatamente e a svilupparsi in modo fisiologico
- fattori di crescita specifici e differenziati per aiutare lo sviluppo di tutti i tessuti dell'organismo (in particolare le mucose e il sistema nervoso)
- ormoni che servono a guidare la sua crescita e il normale sviluppo del suo sistema endocrino e nervoso
- sostanze 'tranquillanti'
- protezione, per garantire al cucciolo umano, che ha poche capacità di difendersi da solo da qualsiasi pericolo, attraverso la vicinanza costante della mamma
- calore, perché deve mantenere una temperatura costante a circa 36.5°
- interazione continua per stimolare il suo cervelloIl bambino appena nato ha bisogno di stareIl bambino appena nato ha bisogno di stare tra i seni della mamma. 

Subito dopo la nascita il bambino ha bisogno di stare tra i seni della mamma, portarlo altrove è innaturale. 

 Tra i seni della mamma il neonato si abitua poco a poco alla nuova vita: la natura ha previsto che lì possa meglio adattarsi a tutti i cambiamenti.

La temperatura tra i seni permette al neonato di termoregolarsi meglio e inoltre in quella posizione il bambino potrà sentire l'odore della mamma e del colostro e potrà ascolta il familiare suono dei battiti cardiaci materni.

Di solito i bambini posizionati tra i seni trovano spontaneamente i capezzoli.

Meno tempo intercorre tra parto e prima poppata (possibilmente meno di mezz'ora dal parto), più l'allattamento avrà buon esito, anche in durata.

Fonte: youmamma.it


Leggi anche

Dopo il parto: il colostro

La posizione giusta per allattare

Allattare: la posizione sdraiata

Allattamento a richiesta

La montata lattea




 

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 


La "finta" stitichezza del neonato
Questo interessante articolo di Paolo Sarti, comparso nel 2003 sulla rivista pediatrica UPPA e intitolato “Farla: la pri...
7
Ingorgo mammario: cosa fare e cosa no
Nei primi giorni dopo il parto può comparire l'ingorgo mammario, dovuto a un’esagerata presenza di sangue e di liquidi n...
5
Dolore ai capezzoli nell`allattamento
La miglior cura contro i capezzoli infiammati è la prevenzione. La miglior prevenzione è un buon attaccamento del bambin...
4
Perché dopo la gravidanza si ingrassa?
In gravidanza si prende peso, si sa, è fisiologico. Ma dopo la gravidanza perché si continua a prenderlo?
4


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo