La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Fecondazione in vitro: i cibi che aiutano

Miobambino, 29.7.2012
Una dieta che comprenda avocado, olive, semi, noci e olio d’oliva triplica le possibilità di successo della fecondazione in vitro. Da evitare invece i grassi saturi della carne rossa o del burro ecc.

image
/11


 

Buone notizie per le donne che si rivolgono alla fecondazione in vitro.

Secondo un nuovo studio includere nella dieta avocado, olive e olio d’oliva triplicherebbe le possibilità di successo nella fecondazione. Ma non solo: tutti i cibi che contengono grassi monoinsaturi come per esempio i semi, le noci e altri tipi di olio, possono contribuire al successo dell’inseminazione.

Lo sostiene uno studio del dr. Jorge Chavarro e colleghi della Harvard School of Public Health che ha coinvolto 147 donne con un’età media di 30 anni e ha evidenziato che donne che assumevano maggiori quantità di grassi monoinsaturi avevano 3,4 volte più probabilità di avere un figlio dopo la FIV rispetto a quelle che ne assumevano meno.

Al contrario, le donne che assumevano maggiori quantità di grassi saturi - contenuti principalmente nella carne rossa, nel burro eccetera - avevano i peggiori risultati.

 

I grassi monoinsaturi oltre a proteggere l’apparato cardiovascolare potrebbero dunque migliorare la fertilità riducendo l’infiammazione del corpo.

Avocado, olive e l’olio d’oliva contengono elevati livelli di grassi monoinsaturi e bassi livelli di altri tipi di grassi.

 

Anche se lo studio si è basato su un campione piuttosto ridotto, per cui è prematuro trarre conclusioni, e in attesa che i risultati siano replicati su grandi numeri, Chavarro ha dichiarato che seguire questa dieta «anche se non sappiamo per certo se sarà di vantaggio, sappiamo che non è dannosa».

 

In attesa dunque di ulteriori conferme, seguire una dieta sana che comprenda la giusta quantità di grassi monoinsaturi non può che essere benefica.



Troppo magra per una gravidanza
Essere eccessivamente magre può rendere difficile il concepimento e la gravidanza.
2
Come mangiare prima della gravidanza
Se state progettando una gravidanza preparatevi cambiando le vostre abitudini alimentari: vitamine, ferro, e iodio sono ...
2
Se speri che sia femmina...
Vorresti che fosse femmina? Ecco la ricetta: poco sale, niente banane e... tanto sesso!
2
Acido folico e gravidanza: iniziare presto
Quando va prescritto l’acido folico, o vitamina B9? Assolutamente prima della gravidanza, assumendo una compressa da 0,4...
2


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo