La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

L`eczema dei neonati

Miobambino, 9.7.2014
L’eczema è una delle malattie croniche della pelle più diffuse nei neonati. La causa più comune è l’allergia alimentare: soprattutto al latte vaccino
Parole chiave:

image
/11



L'eczema (dermatite atopica) nei neonati
Si tratta di uno dei disturbi più frequenti della pelle dei bambini
L’eczema è la malattia cronica della pelle più comune nel bambino: almeno il 5% dei bambini ne sono affetti, di più nei paesi ricchi rispetto ai paesi poveri. 
L’eczema dunque è soprattutto arrossamento, prurito e produzione di sottili scagliette di desquamazione che rendono ruvida la pelle. L’eczema è chiamato anche "dermatite atopica": dermatite perché è una infiammazione della pelle, atopica perché è dovuta, almeno nell’età del lattante, alla atopia, altra strana parola che vuol dire "in nessun luogo" (più o meno come utopia), ma a cui oggi si da un significato quasi sovrapponibile al termine più comune di "allergia". 
Infatti nell’eczema del lattante la causa più comune è l’allergia alimentare: soprattutto al latte di mucca o all’uovo (mangiato dalla mamma). Spesso, rimuovendo l’alimento dalla dieta, l’eczema migliora; ma molti preferiscono, se l’eczema non è grave, mantenere la dieta, attendendo che il bambino acquisti da solo una buona tolleranza, il che avviene di regola entro l’anno di vita. 
Il disturbo, quando c’è si tratta prevalentemente di prurito, si toglie con piccole quantità di una cremina al cortisone che non si assorbe e che, alle piccole dosi abitualmente sufficienti, non nuoce. L’eczema è spesso il segno di una predisposizione alle malattie allergiche: molti eczemi del lattante, sia che vengano curati o che non vengano curati, verranno seguiti, negli anni successivi, dall’asma. Ma ormai anche quella fa poca paura: si controlla facilmente, non disturba la qualità della vita. Qualche volta l’eczema non guarisce entro l’anno, qualche volta esordisce più in là, persino nell’adulto; le forme che iniziano tardi sono anche quelle che hanno maggiore difficoltà ad andarsene, e così l’eczema diventa una malattia lunga e fastidiosa, che disturba il sonno, costringe a grattarsi a sangue e costituisce un disturbo estetico. 
Nel bambino più grandicello il rapporto col cibo non è così semplice e poi l’allergia alimentare non è l’unica causa, la dieta non basta mai, ricorrere al farmaco diventa necessario. Il farmaco, novanta volte su cento, sarà ancora il cortisone applicato localmente, altri interventi, come l’applicazione giornaliera di vasellina, l’igiene cutanea, la scelta di indumenti non irritanti, l’uso di saponi speciali rappresentano delle misure sempre utili e qualche volta necessarie.
Il nome viene dal latino ex-ema: il siero di sangue, cioè "ema", che se ne va fuori, cioè "ex". È proprio questo che succede quando la malattia è più grave, un’essudazione di siero attraverso la pelle che bagna il lenzuolino e/o si rapprende in croste sul viso e sulle parti più colpite. Ma questa forma grave oggi non si vede praticamente più, forse perché la si cura prima, o forse perché anche questa malattia, come quasi tutte le malattie pediatriche, ha perso la sua gravità.

L’eczema è soprattutto arrossamento, prurito e produzione di sottili scagliette di desquamazione che rendono ruvida la pelle.

L’eczema è chiamato anche "dermatite atopica": dermatite perché è una infiammazione della pelle, atopica perché è dovuta, almeno nell’età del lattante, alla atopia, altra strana parola che vuol dire "in nessun luogo" (più o meno come utopia), ma a cui oggi si da un significato quasi sovrapponibile al termine più comune di "allergia". 
Infatti nell’eczema del lattante la causa più comune è l’allergia alimentare: soprattutto ai latticini, all’uovo, al frumento e al mais (mangiati dalla mamma). Spesso, rimuovendo l’alimento dalla dieta, l’eczema migliora; ma molti preferiscono, se l’eczema non è grave, mantenere la dieta, attendendo che il bambino acquisti da solo una buona tolleranza, il che avviene di regola entro l’anno di vita. 


Il prurito si attenua con piccole quantità di una cremina al cortisone e con i
 bagni all’avena colloidale. Il bambino non deve mai essere lavato troppo a lungo o con sapone. Dopo il bagnetto, mentre la sua pelle è ancora bagnata, si può applicare una lozione biologica.

Meglio evitare anche detergenti troppo aggressivi quando quando si lavano gli indumenti del piccolo e risciacquare sempre molto bene.

 

L’eczema è spesso il segno di una predisposizione alle malattie allergiche: molti eczemi del lattante, sia che vengano curati o che non vengano curati, verranno seguiti, negli anni successivi, dall’asma. Ma ormai anche quella fa poca paura: si controlla facilmente, non disturba la qualità della vita.

Qualche volta l’eczema non guarisce entro l’anno, qualche volta esordisce più in là, persino nell’adulto; le forme che iniziano tardi sono anche quelle che hanno maggiore difficoltà ad andarsene, e così l’eczema diventa una malattia lunga e fastidiosa, che disturba il sonno, costringe a grattarsi a sangue e costituisce un disturbo estetico. 


Nel bambino più grandicello il rapporto col cibo non è così semplice e poi l’allergia alimentare non è l’unica causa, la dieta non basta mai, ricorrere al farmaco diventa necessario. Il farmaco, novanta volte su cento, sarà ancora il cortisone applicato localmente, altri interventi, come l’applicazione giornaliera di vasellina, l’igiene cutanea, la scelta di indumenti non irritanti, l’uso di saponi speciali rappresentano delle misure sempre utili e qualche volta necessarie.

Curiosità: il nome viene dal latino ex-ema: il siero di sangue, cioè "ema", che se ne va fuori, cioè "ex". È proprio questo che succede quando la malattia è più grave, un’essudazione di siero attraverso la pelle che bagna il lenzuolino e/o si rapprende in croste sul viso e sulle parti più colpite.

Ma questa forma grave oggi non si vede praticamente più, forse perché la si cura prima, o forse perché anche questa malattia, come quasi tutte le malattie pediatriche, ha perso la sua gravità.


I 10 errori piú comuni della neo-mamma
Spesso la mamma alle prime armi commette errori grossolani con il suo bebè, per disinformazione o per eccesso di attenzi...
4
Ingorgo mammario: cosa fare e cosa no
Nei primi giorni dopo il parto può comparire l'ingorgo mammario, dovuto a un’esagerata presenza di sangue e di liquidi n...
4
La "finta" stitichezza del neonato
Questo interessante articolo di Paolo Sarti, comparso nel 2003 sulla rivista pediatrica UPPA e intitolato “Farla: la pri...
3
Come attaccare bene il bambino al seno
In questo video la Consulente Professionale in Allattamento Materno Martina Carabetta illustra come posizionare il bambi...
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo