La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Il rientro a casa dopo il parto

Miobambino, 4.5.2010
Ritornare a casa con il proprio bimbo dopo il parto rappresenta per tutte le donne il traguardo sognato per tutta la gravidanza. A questo scopo saranno informate e avranno programmato ogni cosa affinché non si verifichi nulla di imprevisto.

image
/11



Ma per quanto preparate, una volta messo piede in casa col bimbo in braccio, ci si sente ugualmente inadeguate ad affrontare una “avventura” che sembra troppo difficile; buona norma per sentirsi comunque pronte è quella di preparare, e organizzarsi già nelle ultime settimane di gravidanza.
 
Il ritorno a casa della madre con il bambino apre un nuovo capitolo della vita familiare caratterizzato per i genitori non solo da gioia ma anche da preoccupazioni.

Si tratta di un periodo molto impegnativo, anche se la soddisfazione di avere un nuovo bambino può far dimenticare a molte madri, per una felice amnesia, lo straordinario spiegamento di energie fisiche e psichiche necessarie nelle prime settimane dopo il parto.
 
Occuparsi di un neonato è un lavoro che impegna 24 ore su 24 per sette giorni alla settimana!
 
Prossimamente verrà attivato un servizio di puerperio domiciliare, condotto anch'esso da ostetriche, a cui le donne potranno rivolgersi dopo la dimissione.
 
Non è cosa rara che la neo mamma sia colta da momenti di sconforto, accompagnati da episodi di pianto immotivato.

E' un evento fisiologico legato allo squilibrio ormonale che si verifica subito dopo il parto. Spesso sono sufficienti, per far rientrare queste situazioni, le attenzioni e l'incoraggiamento da parte del compagno e dei familiari.
 
Se però questo periodo si protrae troppo a lungo nel tempo è consigliabile parlarne con il proprio medico di famiglia.
 
Tratto da: http://www.ausl.pc.it/dedicato/dedicato_donne/dedicato_donne.asp

Il bebè appena nato: salute e aspetto
Subito dopo il taglio del cordone ombelicale al bambino viene assegnato un punteggio detto indice di Apgar, che serve a ...
4
Il cambio del pannolino
Cosa fare per il cambio del pannolino? Istruzioni per l'uso
3
Il massaggio dolce del neonato
Le mani della madre e del padre aiutano, stimolano, sfiorano, avvolgono, giocano, guidano, insegnano, odorano di buono…d...
3
Preparazione dell`ambiente domestico
Cara mamma, caro papà, finalmente ritornate a casa con il vostro piccolo! Qui, tutto deve essere pronto per l’accoglienz...
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

diventar mamma
lilium2

sono ossessionata nel voler una gravidanza,pensate che sia eccessivo tentarle tutte x averla? dovrei accettare di nn essere mamma?

no,non cedere (21%)

si accetta il nn essere mamma (4%)

fai tutti gli accertamenti e lotta fino alla fine, (68%)

adotta un figlio e falla finita (7%)


Voti in tutto: 169

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.