La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Cosa vuole il bebè che piange? Te lo svela il PC

4.5.2010
In Giappone la tecnologia si mette al servizio di mamma e papà: alcuni ricercatori hanno messo a punto un personal computer che decodifica il pianto del neonato

image
/11


 

I ricercatori giapponesi del Muroran Institute of Technology, di Hokkaido, hanno messo a punto uno un potente computer per registrare e decifrare la vasta gamma di pianti con cui i bambini comunicano bisogni ed emozioni.

Il passo successivo, ha spiegato il coordinatore della ricerca, Tomomasa Nagashima, sarà la realizzazione di un piccolo monitor da applicare al collo o al polso del piccolo per tradurre all'istante i motivi delle lacrime.

Tuttavia occorrerà diverso tempo affinché il traduttore possa esser realizzato e messo in commercio. Fino a quel momento non resta che affidarsi a gesti tradizionali: osservare con attenzione il piccolo, imparando a conoscere le sue piccole smorfie collegabili a sonno, fame o dolori.

È il bello di esser genitori!

I 10 errori piú comuni della neo-mamma
Spesso la mamma alle prime armi commette errori grossolani con il suo bebè, per disinformazione o per eccesso di attenzi...
6
Quando nasce l`amore per il proprio bambino?
Non tutte le mamme si innamorano immediatamente del loro bambino, ma hanno bisogno di un po' di tempo. Alcune, nelle pri...
4
Allattamento: tutti i miti da sfatare
Sono molte le credenze che aleggiano attorno all'allattamento al seno. Vediamo insieme 24 miti da sfatare
3
Disturbi del bebè: rigurgiti e reflussi
A che cosa sono dovuti i rigurgiti dei neonati? È possibile prevenirli? Si deve intervenire in qualche modo?
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo