La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Creme per bebè tossiche: la lista nera

Miobambino, 24.3.2013
Molte creme anti-arrossamento per bebè contengono un conservante, il phenoxyethanolo, che ha possibili effetti tossici sulla riproduzione e lo sviluppo. Scopri i prodotti in commercio che lo contengono

image
/11


Cosa c’è dentro le creme protettive usate per il cambio dei bebè? Una domanda più che legittima visto che si tratta di cosmetici dedicati ai piccolissimi, e in quanto tali devono essere ultra-sicuri, e che, per giunta, sono usati in una zona estremamente delicata del corpo dei neonati.

Le paste antiarrossamento agiscono in prossimità degli organi genitali dei bimbi e dunque, ancor più di altri cosmetici, devono essere usate con cautela e prestando la massima attenzione agli ingredienti che contengono. 


Lo scorso novembre l’Agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (Ansm) ha invitato a non usare il phenoxyethanolo nei prodotti che vengono applicati sui glutei (le creme protettive appunto o le salviettine profumate) e di ridurre la sua concentrazione dall’attuale 1% allo 0,4% in tutti gli altri cosmetici.

Il phenoxyethanolo è un conservante ampiamente usato nei cosmetici ma da tempo sotto la lente di ingrandimento per i suoi possibili effetti tossici sulla riproduzione e lo sviluppo. Sospetti che sembrano sempre più fondati se l’Ansm è arrivata a raccomandare di non utilizzare il composto nei cosmetici destinati ai bambini sotto i tre anni di età. 


In attesa che anche le autorità europee procedano a una rivalutazione del rischio, per precauzione sarebbe meglio evitare, a priori, i marchi che usano questo conservante.


Il settimanale Il Salvagente ha pubblicato il risultato di un ampio test incentrato sulle paste protettive per il cambio dei neonati e ben 6 le creme su 15 sono state colte in fallo per la presenza del “famigerato” conservante:


  • FISSAN Baby - Protezione e Natura


  • BABYGELLA - Pasta protettiva


  • AVÈNE Pediatril - Crema per il cambio


  • CHICCO - Pasta lenitiva


  • DERMOGELLA bébé - Baby Paste


  • FISSAN Baby - Pasta Alta Protezione

 


Le creme prese in esame in cui il il phenoxyethanolo è risultato assente sono:

  • WELEDA - Baby crema protettiva alla calendula

 

  • PURIS Baby care - Pasta protettiva 

 

  • PASTA HOFFMAN - Lenitiva antiarrossamento 

 

  • NIVEA BABY - Pasta protettiva emolliente 

 

  • MUSTELA

 

  • AVEENO Baby - Crema barriera 

 

  • JOHNSON’S PEDIATRIC - Baby Pasta Protettiva

 

  • PENATEN - Pasta protettiva

 

  • A-DERMA - Eryase crema 

 


Nel caso delle paste protettive per il cambio dei pannolini, poi, l’invito del Salvagente è di privilegiare prodotti naturali privi non solo di phenoxyethanolo, ma anche di parabeni e petrolati, questi ultimi sostanze di bassissima qualità ottenute dal petrolio e che sono diffusissime in questi cosmetici

Fonte: Barbara Liverzani, www.ilsalvagente.it


Depressione post partum. La vita dopo la n...
Si parla sempre più spesso di depressione post partum, uno stato emotivo poco riconosciuto anche dalle stesse donne che ...
12
Tutto sull`allattamento
Molte mamme si chiedono se saranno in grado di allattare i propri figli, se avranno sufficiente latte, se sentiranno dol...
6
Perché dopo la gravidanza si ingrassa?
In gravidanza si prende peso, si sa, è fisiologico. Ma dopo la gravidanza perché si continua a prenderlo?
4
Dopo il parto: il colostro
Nei primi tre giorni dopo il parto il seno materno secerne gocce di colostro, un liquido denso che contiene tutte le sos...
3


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo