La prima volta su Miobambino? Qui puoi dare un'occhiata a ciò che è Miobambino e come ti può aiutare.   |   Leggi di più    
Miobambino.it utillizza i cookie necessari al funzionamento de sito ed utili per fornire all’utente una migliore esperienza di navigazione e per inviare pubblicità.
Ogni browser ha la possibilità di abilitare o bloccare i cookie. Visitando e utilizzando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per continuare, clicca su "OK”.   Scopri di più.

Subito dopo il parto

Miobambino, 4.5.2010
Cosa accade nelle ore immediatamente successive al parto?

image
/11


 

Dopo il parto - sia vaginale che cesareo - la puerpera viene tenuta sotto osservazione per circa due ore prima di essere trasferita in stanza.

Ciò serve a diagnosticare tempestivamente complicazioni che raramente potrebbero presentarsi (soprattutto emorragiche).

 

In reparto verrà poi controllata quotidianamente dall’ostetrica, mentre il giro mattutino del ginecologo e del pediatra hanno lo scopo di verificare che tutto proceda normalmente e di dare informazioni alla donna sulla propria salute e su quella del neonato.

 

Dal lato emozionale sarebbe molto utile che il neonato venisse lasciato vicino alla madre almeno per le prime ore di vita e che anche in seguito fossero limitati i periodi di allontanamento.

Nelle maternità ospedaliere si adotta frequentemente l’abitudine di separare madre e bambino.

Poco dopo la nascita il bambino viene trasferito in un altro reparto: il Nido o la Nursery sono i locali dove vengono di solito portati i neonati.

Il bambino che deve essere allattato viene portato alla madre solo dopo diverse ore.

 

Tuttavia in alcune di queste maternità esiste la possibilità del Rooming-in, situazione in cui durante il puerperio la madre può tenere accanto a sé nella stessa camera il neonato per la maggior parte della giornata (con la possibilità dell’allattamento a richiesta).

Durante le ore notturne il neonato viene trasferito al nido, per essere poi riportato alla mamma per la prima poppata del giorno successivo.

 

In puerperio si controllano:

  • pressione arteriosa
  • frequenza cardiaca
  • temperatura corporea (inguinale)
  • minzione
  • condizioni dell’utero
  • lochiazioni (le perdite vaginali)
  • condizioni della ferita (episiotomica o laparotomica)
  • esami del sangue (per controllare lo stato anemico, la compatibilità del sangue materno con quello del bambino e test infettivologici)

 

Le pazienti con gruppo sanguigno Rh negativo il cui partner è Rh positivo, dovranno praticare entro 72 ore dal parto un’iniezione intramuscolare di immunoglobuline specifiche (nei casi in cui anche il sangue del bambino sia Rh positivo), per proteggersi da possibili guai nelle gravidanze future.

 

La puerpera può fare la doccia e lo shampoo.

Una perdita di capelli più abbondante del normale non deve destare preoccupazione (erano cresciuti di più durante la gravidanza).

 

L’igiene genitale deve essere particolarmente accurata: lavare con fluido detergente a pH fisiologico ed asciugare bene i genitali esterni. Non serve praticare lavande interne.

 

I punti della ferita episiotomica solitamente non devono essere rimossi, in quanto si dissolvono spontaneamente dopo una decina di giorni, quando la ferita è ormai quasi completamente guarita.

Se la ferita episiotomica risultasse particolarmente fastidiosa:

 

Urinare nel bidet, indirizzando il getto d’acqua corrente sui genitali

Asciugarsi con cura, tamponando (eventualmente usare l’asciugacapelli)

Dormire senza mutande né assorbenti (basta disporre un asciugamano di spugna sotto il bacino)

Utilizzare rigorosamente solo assorbenti in puro cotone idrofilo e garza (reperibili in Farmacia)

Cambiare molto spesso tali assorbenti (non aspettare che siano intrisi)

Non serve mettere creme locali sulla ferita (se non altrimenti consigliato dal ginecologo).

 

La dimissione della mamma coincide di norma con quella del suo bambino.

Alla dimissione la puerpera viene solitamente invitata ad una visita di controllo dopo circa 40 giorni.

 

In quella occasione si effettuerà:

  • visita ginecologica
  • rilevazione del peso corporeo
  • rilevazione della pressione arteriosa
  • dialogo su contraccezione e su programmazione del Pap tes

 

Lo svezzamento vegano
Fino ai 12 mesi i bambini non dovrebbero assumere alimenti di origine animale. La Dottoressa Michela De Petris ci spiega...
4
Massaggio ayurvedico del neonato
La pratica Shantala è un'antica arte indiana del massaggio per i bambini. Un modo per trasmettere amore e tranquillità a...
3
I morsi al seno durante l`allattamento
Come comportarsi se il bambino prende l'abitudine (dolorosissima) di mordere il capezzolo durante la poppata
3
Estate: in montagna col bebè
L’esposizione al sole ha effetti benefici, a patto che alcune regole vengano rispettate, soprattutto nel primo anno di v...
2


Clicca su “Like” e aggiungi il tuo commento su questo articolo


Sondaggio

dove vorresti partorire?
Unacoppia

dove pensi sia meglio partorire?

ospedale pubblico (72%)

clinica privata (15%)

casa propria (14%)


Voti in tutto: 199

Grazie della risposta. Hai già risposto a tutte le inchieste attuali. Intanto puoi creare una nuova inchiesta anche tu.